segui @romamobilita su telegram segui @romamobilita su twitter segui RomaMobilita su Facebook Romamobilita su Instagram segui Roma Mobilità su Linkedin segui Roma Mobilità su YouTube

Linea FL3, in estate lavori sulla tratta Cesano-Viterbo

Simone Colonna, redazione giornalistica di Roma Servizi per la Mobilità.

Dal 11 giugno al 10 settembre
Un treno regionale Trenitalia

 

Rete ferroviaria italiana ha fatto sapere che, in estate, la linea Attigliano – Viterbo – Cesano sarà oggetto di importanti lavori di ammodernamento e rinnovamento tecnologico. "Per dare luogo ai lavori si rende necessaria una prima interruzione della circolazione nella tratta tra Cesano e Viterbo, programmata dall’11 giugno al 10 settembre prossimi. La scelta del periodo di interruzione è ricaduta sul periodo dell’anno che mostra un minor traffico pendolare perché coincidente con la chiusura dell’anno scolastico del periodo estivo.

 

"I lavori consentono di attivare anche su una linea regionale la tecnologia ERTMS (European Rail Transport Management System), il più evoluto sistema per la supervisione e il controllo del distanziamento dei treni, lo stesso adottato sulle linee alta velocità, in coerenza con l’obiettivo di RFI di installare la tecnologia su tutti i 16.800 chilometri di rete entro il 2036. I benefici del sistema ERTMS riguardano il miglioramento delle prestazioni in termini di regolarità/puntualità e l’incremento degli standard di sicurezza.

 

"Per quanto riguarda gli interventi infrastrutturali si conferma la realizzazione del raddoppio della tratta Cesano – Vigna di Valle e Vigna di Valle – Bracciano, presente anche nel Contratto di Programma sottoscritto tra il ministero dei Trasporti e RFI.

 

"Tale investimento interessa 16 km dei circa 100 km di linea esistenti sull’intero collegamento Cesano di Roma – Viterbo P.F. – Attigliano.  Lo scenario di attivazione del raddoppio è successivo rispetto all’upgrade tecnologico programmato questa estate sulla relazione Cesano – Attigliano. L’ upgrade tecnologico su binario esistente rappresenta quindi una prima configurazione di regime da estendere non solo sul futuro binario affiancato di raddoppio ma anche sull’intero nodo di Roma. È stato progettato con sistemi di alimentazione, fabbricati tecnologici e copertura radio GSM R in previsione del futuro binario di raddoppio. Contestualmente all’intervento citato è in corso anche l’upgrading dell’infrastruttura alla tecnologia ERTMS HD sulla tratta Cesano di Roma – Roma Ostiense – Roma Tiburtina per estendere la nuova tecnologia anche sul Nodo di Roma.

 

"RFI, Regione Lazio, istituzioni locali e l’impresa ferroviaria stanno collaborando fin d’ora per una rete di mobilità sostitutiva che attenui e minimizzi gli inevitabili disagi" conclude la nota.