La preferenziale Portuense in dirittura d’arrivo. Prevista anche la riqualificazione dell’area

Schede primarie

La sicurezza stradale è il cuore del progetto. In arrivo attraversamenti e isole pedonali protetti e nuova illuminazione

La nuova preferenziale su via Portuense prende forma. Entro 5 mesi sarà pronto Il corridoio che andrà da via Belluzzo a largo La Loggia.

La corsia riservata sorgerà al centro della carreggiata e per la viabilità della zona rappresenterà una vera rivoluzione. Il punto è stato fatto durante la Commissione mobilità di Roma Capitale. Definirla una “semplice” preferenziale è però riduttivo.

La corsia - come hanno sottolineato i tecnici di Roma Servizi per la Mobilità Pierfrancesco Canali e Paolo Ferlito, rispettivamente progettista della struttura e direttore dei lavori - “è lo strumento” di una complessiva riqualificazione”. Nell’ambito dei lavori si sta rimettendo mano ad opere che erano rimaste nel limbo da anni.

Si stanno rifacendo i ciglidei marciapiedi. Si stanno realizzando le “tazze” dove saranno piantati i nuovi (e più adatti al terreno della zona) alberi di acero.

Si stanno ricollocando i pali dell’illuminazione elettrica ai lati della strada in modo da armonizzarsi con la nuova struttura.

Soprattutto, però, la nuova preferenziale risolverà un problema di sicurezza stradale. Via Portuense è da sempre un’arteria nota alle cronache per la sua pericolosità.

La naturale conseguenza della preferenziale al centro della carreggiata sarà la riduzione della velocità e del rischio di incidenti.

A cascata, i benefici andranno a tutti gli utenti della strada. A cominciare dai pedoni, grazie ai nuovi e sicuri attraversamenti pedonali protetti, fino agli utenti del trasporto pubblico che aspetteranno il bus negli appositi “moli” (vere e proprie isole interdette al traffico privato).

Sempre in tema di preferenziali, essenziali per aumentare la velocità dei bus e rendere il trasporto pubblico sempre più appetibile, Roma Servizi per la Mobilità sta lavorando anche alla protezione di corsie già esistenti (corso Trieste, via Principe Eugenio, via Gioberti, piazza di Cinecittà) ed alla creazione di nuove (viale Terme di Caracalla).

Per questi progetti l’iteramministrativo è già in fase avanzata. “La realizzazione di nuove corsie preferenziali e la protezione di quelle esistenti sono argomenti per i quali l’impegno della commissione Mobilità è stato costante: uno degli obiettivi che cisiamo posti dal punto di vista della mobilità era aumentare la velocità del trasporto pubblico per un servizio efficiente e puntuale”, ha sottolineato il presidente della Commissione, Enrico Stefàno