IT | EN

L’associazione “Cittadini per l’aria” chiede sostegno a Roma Capitale per la campagna di monitoraggio delle emissioni di biossido di azoto

Schede primarie

Salviamo l'aria

Rendere consapevoli e sempre più sensibili cittadini ed Istituzioni sulla necessità di lottare contro la crescita delle emissioni inquinanti da biossido di azoto. È L’obiettivo dell’associazione “Cittadini per l’aria”, che hanno inviato al sindaco Gualtieri una lettera per richiedere il sostegno di Roma Capitale alla campagna “Salviamo l’aria”. L’associazione contatta il Primo cittadino di Roma per presentare la campagna di scienza partecipata che “Cittadini per l’aria” sta organizzando nella città di Roma e Milano per sensibilizzare la popolazione sul tema dei danni dall’esposizione al biossido di azoto. Sottolineando l’importanza di adottare azioni e comportamenti che possano ridurre questo impatto. “Attraverso la campagna (dal 15 gennaio al 10 marzo 2023) - scrive l’associazione nella lettera - verrà monitorato il biossido di azoto (NO2), un pericoloso inquinante derivante in special modo dal traffico veicolare diesel. Le concentrazioni e la diffusione di questo inquinante hanno infatti portato alla terza condanna per il nostro Paese da parte della Corte di Giustizia Europea (C-573/19) che, a maggio, ha accertato l’inadempimento per il mancato rispetto “sistematicoe continuativo” del valore limite annuale del biossido di azoto in molte zone del Paese. Grazie alla campagna, i cittadini potranno scoprire qual’è la qualità dell’aria nei punti che selezioneranno e la stima delleconcentrazioni rispetto ai limiti normativi o a quelli delle linee guida dell’OMS”. Previsti anche invitia partecipare ad incontri per studiare gli effetti deilivelli delle concentrazioni di biossido di azoto sullasalute fisica e mentale. “Attraverso questa campagnadi scienza partecipata - prosegue l’associazione - anche le Amministrazioni potranno meglio capire doveoperare, in che modo e, soprattutto, porsi al fianco dei cittadini nella ricerca, nell’impegno civico e nella tutela dell’aria e della vivibilità delle nostre città.Chiediamo quindi che il Comune di Roma prenda parte attivamente, insieme ai cittadini, alla campagna, sostenendoci, per esempio, nella sua divulgazione attraverso i vostri canali di comunicazione, alloscopo di coinvolgere il maggior numero di cittadini ecittadine. I dettagli sulle iscrizioni e sulle modalità dipartecipazione sul sito cittadiniperlaria.org”.

ISO 9001