Open bus, nel bando nessuna scelta arbitraria. I percorsi rispondono alle azioni chiave indicate dal Pgtu

*Open bus, nel bando nessuna scelta arbitraria. I percorsi rispondono alle
azioni chiave indicate dal Pgtu*

Il bando sugli open bus rispetta pienamente quanto previsto dal Piano
generale del traffico urbano. Contrariamente a quanto riportato nei giorni
scorsi da un organo di stampa, i percorsi non sono stati scelti in modo
arbitrario ma rispondono alle azioni chiave indicate dal Pgtu e dal
regolamento approvato nel marzo 2016 dal Commissario Straordinario con i
poteri dell'Assemblea Capitolina.

I capolinea sono stati dislocati in aree esterne al perimetro della ZTL Vam
distribuendo gli itinerari e le linee in modo da servire tutti i poli
turistici ancora non coperti e, soprattutto, con l'obiettivo di
decongestionare il Centro. Basta considerare che oggi la quasi totalità
degli operatori effettua servizio sulle stesse 8 fermate centrali, con
notevoli affollamenti in corrispondenza delle fermate ed impatti diretti
sia sulla sicurezza dell'utenza che sul funzionamento ordinario della città.

Lo scenario proposto da Roma Servizi per la Mobilità al Dipartimento
Mobilità e Trasporti prevede invece un massimo di 5 operatori per
ciascuna fermata, con instradamenti diversificati per conciliare, da un
lato, l'esigenza di servire molteplici poli attrattori e, dall'altro,
quella di garantire la sicurezza degli utenti e dei cittadini nelle aree
circostanti. Per mitigare gli attuali effetti di affollamento e congestione
veicolare, in Centro sono stati previsti percorsi a sensi di marcia diversi
e caratterizzati da una differenziazione delle fermate al servizio dei
principali poli turistici.

Va poi ricordato che sono disponibili sul mercato mezzi elettrici di
piccole dimensioni, aperti e non, come quelli già in uso da anni a Torino
ed a Firenze. Questa tipologia di vetture è stata individuata per servire
ambiti con caratteristiche urbanistiche ed architettoniche tali da
sconsigliare o rendere impossibile l'utilizzo di mezzi "ordinari".

Lungo la linea che dal Centro raggiungerà Ostia e Ostia Antica, infine,
viste le distanze e la tipologia di strade, sarà in servizio un mezzo gran
turismo extraurbano e non i mezzi aperti e/o elettrici previsti per il
Centro. Il tempo di percorrenza stimato per questa linea, nel piano
realizzato da Roma Servizi per la Mobilità, sarà compreso tra le 3 e le 4
ore. Tali valori sono stati stimati tenendo in considerazione sia le
condizioni ordinarie del traffico veicolare sia la forte stagionalità che
caratterizza le varie direttrici utilizzabili.