Roma Servizi per la Mobilità, le attività per i cittadini non si fermano durante l’emergenza

Undefined

L’attività di Roma Servizi per la Mobilità non si ferma durante l’emergenza
coronavirus. I servizi alla cittadinanza sono garantiti anche se nel
rispetto delle misure restrittive a tutela della salute pubblica. Dal 10
marzo sono chiusi il check point Aurelia – per i bus turistici – e il punto
informazione di Termini. Chiuso anche lo sportello al pubblico di piazzale
degli Archivi che resta comunque attivo: per particolari esigenze è
possibile rivolgersi al numero 06/57003. Dopo una prima valutazione, solo
se strettamente necessario, gli utenti saranno eventualmente invitati a
recarsi di persona negli uffici dell’Eur. Lo stesso numero 06/57003 resta
operativo dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 18, per informazioni su su
permessi Ztl, strisce blu, contrassegni per disabili, bus turistici,
abbonamenti e titoli di viaggio. Per informazioni su orari e percorsi del
trasporto pubblico e prenotazioni del car sharing il numero è invece attivo
tutti i giorni 24 ore su 24.

Roma Servizi per la Mobilità ha anche attivato una polizza assicurativa per
i suoi dipendenti che dovessero contrarre il Coronavirus. In caso di
infezione, i 312 lavoratori dell’azienda partecipata da Roma Capitale
percepirebbero specifiche indennità per i giorni di ricovero e
convalescenza.

“Anche se abbiamo adottato per tempo tutte le opportune misure di
prevenzione, a partire dallo Smart working e dalla sanificazione che sta
interessando le sedi aziendali e le auto della nostra flotta car sharing -
afferma il Presidente e Amministratore delegato di Roma Servizi per la
Mobilità, Stefano Brinchi - ci è sembrato doveroso tutelare i nostri
colleghi che, per garantire continuità a servizi essenziali per i
cittadini, tutti i giorni lavorano esposti a potenziali rischi di
contagio. Ringrazio
coloro che stanno continuando le attività aziendale con grande
professionalità. In particolare mi rivolgo ai colleghi che sono impegnati
negli uffici di piazzale degli Archivi che garantiscono anche la loro
presenza fisica”.