Telecamere

Quanti sono, dove sono gli "occhi" che controllano gli accessi alle ZTL e corsie preferenziali di Roma

Zone a Traffico Limitato (ZTL)

La ZTL è lo strumento essenziale per l’attuazione della politica di tutela del centro storico di Roma tramite l’installazione di un sistema di varchi elettronici per il monitoraggio e il controllo del traffico.

Il sottosistema prevede l’utilizzo di 50 varchi sulle strade di accesso alla ZTL che rilevano per via telematica la targa del veicolo in infrazione, attivando la procedura di sanzionamento prevista dalle normative in vigore. In seguito ai buoni risultati ottenuti con la ZTL Centro Storico è stata istituita una nuova Zona a traffico Limitato, la ZTL Trastevere, entrata in esercizio il 28 luglio 2006 e composta da 12 varchi su tutte le strade di accesso al rione controllate dal sistema esclusivamente per via ottica. Inoltre, le stazioni di misura, anch'esse collegate con il sistema, operano una classificazione dei veicoli in accesso alla ZTL di Trastevere.

 

 

Un’importante novità è stata l’installazione su tutti gli accessi di pannelli a messaggio variabile in prossimità del varco, che hanno la funzione di segnalare agli utenti lo stato di attività del varco stesso.

Sono stati inoltre realizzati e attivati 10 varchi elettronici a protezione della zona a traffico limitato di San Lorenzo, 10 varchi della ZTL Testaccio ed i primi 21 varchi che controllano gli accessi nella ZTL AF1 VAM.

Corsie preferenziali

Al fine di migliorare le prestazioni del trasporto pubblico di superficie, Roma Servizi per la Mobilità ha messo in campo l'uso delle tecnologie ITS per il rilevamento ed il sanzionamento dei veicoli non autorizzati al transito sulle corsie preferenziali.

Nel corso del 2006 sono stati installati i primi tre impianti, operativi da maggio 2007, applicando il sistema già in uso per il controllo automatico degli accessi alle Zone a Traffico Limitato. Nel febbraio 2008 si è aggiunto un altro impianto, posto a via dei Serpenti. L’evoluzione del sistema ha consentito di estendere il rilevamento anche a ciclomotori e motoveicoli. I primi sistemi per il controllo con telecamera delle corsie preferenziali sono stati installati nel centro storico, a presidio di importanti assi viari di snodo del trasporto pubblico ed è stata completata l'estensione ad altre corsie preferenziali della città:

  • 2 su via Nazionale, nei pressi di largo Magnanapoli e di via Milano;
  • 1 su via dell’Amba Aradam, nei pressi di via di Villa Fonseca;
  • 2 su via Ostiense, all'altezza del civico 131 e di piazzale Ostiense;
  • 1 in circonvallazione Cornelia, nei pressi di via Pagano;
  • 1 su via Aurelia, nei pressi di via Cardinal Mistrangelo;
  • 2 su via Catania, nei pressi di piazza Lecce (uno per ogni direzione di marcia);
  • 4 su via Nomentana, nei pressi di via Sant'Angela Merici, di viale XXI Aprile e di via Sacco Pastore (qui uno per ogni direzione di marcia);
  • 1 su via di Portonaccio;
  • 1 su via del Tritone, nei pressi di via Zucchelli;
  • 1 su via S. Maria in Cosmedin, nei pressi di via della Greca

Videosorveglianza

Il sistema è composto da 45 telecamere a colori comandabili in remoto (brandeggio e zoom), dislocate nei dintorni della aree basilicali, negli incroci ad elevata criticità.

È stato realizzato, a completamento dei sottosistemi basati sulla rilevazione automatica di dati, un sottosistema di videosorveglianza a circuito chiuso per la tutela della sicurezza stradale. Il sistema è composto da 45 telecamere a colori comandabili in remoto (brandeggio e zoom), dislocate nei dintorni della aree basilicali, negli incroci ad elevata criticità.

I segnali video analogici e dati di brandeggio vengono trasmessi alla Centrale della Mobilità mediante una rete a fibre ottiche, le cui dorsali principali sono installate all’interno delle gallerie della metropolitana. Le telecamere sono, inoltre, dislocate nelle vicinanze delle fermate delle linee A e B della metro (S. Paolo, Circo Massimo, Colosseo, Cavour, Policlinico, Ottaviano, Flaminio, Vittorio Emanuele, S.Giovanni, Re di Roma), in prossimità degli incroci più critici.

Il sistema è stato installato nel 1999 ed è entrato in esercizio nel 2000, durante il Giubileo. Da allora, il sistema è di grande supporto anche alla Polizia Municipale, che ne condivide l’utilizzo con gli operatori della Centrale della Mobilità. Tale sistema è attivo 24 ore su 24, non prevede nessun tipo di registrazione delle immagini e viene utilizzato esclusivamente per il monitoraggio del traffico e della viabilità.

Il 30 Novembre 2013 si è concluso un importante intervento di estensione del sistema che ha consentito l’installazione di nuove 29 telecamere digitali (lungo la Tangenziale Est, il Muro Torto e la Via Togliatti) e la digitalizzazione delle 45 telecamere di videosorveglianza preesistenti.

POR FESR 2014-2020 Progetto confinanziato dal Programma Operativo Regione Lazio Fondi Europei

 

Compila il questionario Conosci Roma Servizi per la Mobilità e tutti i suoi servizi? Aiutaci a migliorare, compila il questionario.