Videosorveglianza

Il sistema è composto da 45 telecamere a colori comandabili in remoto (brandeggio e zoom), dislocate nei dintorni della aree basilicali, negli incroci ad elevata criticità.

È stato realizzato, a completamento dei sottosistemi basati sulla rilevazione automatica di dati, un sottosistema di videosorveglianza a circuito chiuso per la tutela della sicurezza stradale. Il sistema è composto da 45 telecamere a colori comandabili in remoto (brandeggio e zoom), dislocate nei dintorni della aree basilicali, negli incroci ad elevata criticità.

I segnali video analogici e dati di brandeggio vengono trasmessi alla Centrale della Mobilità mediante una rete a fibre ottiche, le cui dorsali principali sono installate all’interno delle gallerie della metropolitana. Le telecamere sono, inoltre, dislocate nelle vicinanze delle fermate delle linee A e B della metro (S. Paolo, Circo Massimo, Colosseo, Cavour, Policlinico, Ottaviano, Flaminio, Vittorio Emanuele, S.Giovanni, Re di Roma), in prossimità degli incroci più critici.

Il sistema è stato installato nel 1999 ed è entrato in esercizio nel 2000, durante il Giubileo. Da allora, il sistema è di grande supporto anche alla Polizia Municipale, che ne condivide l’utilizzo con gli operatori della Centrale della Mobilità. Tale sistema è attivo 24 ore su 24, non prevede nessun tipo di registrazione delle immagini e viene utilizzato esclusivamente per il monitoraggio del traffico e della viabilità.

Il 30 Novembre 2013 si è concluso un importante intervento di estensione del sistema che ha consentito l’installazione di nuove 29 telecamere digitali (lungo la Tangenziale Est, il Muro Torto e la Via Togliatti) e la digitalizzazione delle 45 telecamere di videosorveglianza preesistenti.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi nella tua casella di posta gli aggiornamenti sui nostri servizi.  
 Ho letto e accetto i termini e le condizioni dell'informativa Privacy