segui @romamobilita su telegram segui @romamobilita su twitter segui RomaMobilita su Facebook Romamobilita su Instagram segui Roma Mobilità su Linkedin segui Roma Mobilità su YouTube

Giubileo, Tangenziale Est: in corso il cantiere sulla sopraelevata

Paolo Petrucci, redazione giornalistica di Roma Servizi per la Mobilità.

Il calendario dei lavori
Il cantiere sulla sopraelevata

Iniziata la riqualificazione della Tangenziale est nella tratta Sopraelevata della Circonvallazione Tiburtina, che si estende per circa 1,5 km da Largo Passamonti a viale Castrense e include le rampe Pigneto, Prenestina e San Lorenzo. I lavori fanno parte  degli interventi previsti dal Giubileo e sono eseguiti da Anas Spa, società del Polo infrastrutturale del Gruppo Fs italiane, con un importo di 14 milioni di euro.

La durata prevista del cantiere è di circa 8 mesi in cui saranno effettuati lavori di riqualificazione sull’intera struttura.  Nel solo periodo sino al 30 agosto, per interferire il meno possibile sulla viabilità, saranno effettuate delle chiusure a tratte continuative (h24, 7 giorni su 7).

 

Il dettaglio dei lavori:

Prima fase (conclusa) - carreggiata direzione Foro Italico, rampa di uscita Casilina, direzione via del Pigneto. La rampa ora è riaperta.

Fase in corso - rampa via Prenestina in entrata sulla Tangenziale, chiusura continuativa dal 1° luglio al 15 luglio.

Terza fase - rampa via Prenestina in uscita, con chiusura continuativa dal 16 luglio al 31 luglio.
Quarta fase - viadotto inferiore (da San Giovanni a Tiburtina), con chiusura continuativa dal 1° agosto al 15 agosto.
Quinta fase - viadotto superiore (da Tiburtina a San Giovanni), con chiusura dal 16 agosto al 30 agosto.

 

Le lavorazioni sulla parte strutturale, che non prevedono alcuna chiusura al traffico veicolare, ma solo restringimenti di carreggiata laddove necessario,  saranno eseguite h24, a seconda dell'avanzamento del cronoprogramma, nel corso della settimana con differenti metodologie, organizzate  su più turni lavorativi per verniciature, risanamento pile, cordoli, impalcato. Nel caso fosse necessario intervenire ancora sulla sede stradale si farà nell’ormai consueto orario di chiusura notturna della tangenziale. Il tratto sopraelevato della Circonvallazione Tiburtina, che si sviluppa principalmente come cavalcaferrovia, è stato realizzato a partire dal 1969 ed è stato interessato da interventi di miglioramento della sicurezza viaria, l’ultima volta in occasione dei campionati mondiali di calcio del 1990. Il viadotto ha una funzione molto importante, per la città e in particolare per il quadrante est, zona della città molto trafficata, data la vicinanza all’ingresso per l’autostrada dei parchi A24, la presenza di importanti snodi ferroviari (Scalo S. Lorenzo, collegamento Termini-Tiburtina) e di altri depositi logistici in capo al trasporto pubblico locale (Atac).
 

"Dopo 34 anni, procediamo con una riqualificazione profonda della Circonvallazione Tiburtina – dichiara il Sindaco Gualtieri -. I lavori sull’importante arteria erano ormai necessari, considerando il lungo tempo trascorso dall’ultimo intervento, anche per restituire valore a una infrastruttura viaria che ha segnato un’epoca e una svolta per la viabilità della Capitale. Proprio per questo abbiamo svolto una ricerca di archivio fotografico per riportare l’infrastruttura il più possibile all’assetto originario, sarà un lavoro filologico attento. L’Anno Santo ci sta dando delle grandi occasioni, a Roma stiamo portando avanti una programmazione serrata sulle strade con un investimento di oltre 300 milioni giubilari a cui si aggiungono quelli del Campidoglio. Ad oggi abbiamo riqualificato il 60% della viabilità principale e stiamo andando avanti con continuità per rendere le nostre strade sempre più sicure, tanto nelle aree interessate dai percorsi di pellegrinaggio, quanto in quelle più periferiche. Una programmazione serrata – conclude Gualtieri - per la quale ringrazio il Dipartimento dei Lavori pubblici e tutti quanti stanno contribuendo a questo ambizioso obiettivo”  
 

“Questo cantiere è tra i cantieri più complessi del Giubileo – commenta l’assessora Segnalini -. La tratta viaria è infatti fondamentale  come raccordo cittadino, ma rappresenta anche uno snodo cruciale in vista dell’arrivo dei pellegrini, per l’apertura della Porta Santa. Le operazioni interesseranno sia la superficie interna con il rifacimento profondo del pacchetto stradale, la sostituzione dei pannelli fonoassorbenti  e altre attività di messa in sicurezza, sia la parte strutturale che sarà oggetto, oltre che di intervento di ripristino delle parti ammalorate, anche di restauro con la posa della vernice rossa originaria di cui è rimasta una tenue traccia. Una prima tratta della Tangenziale est, da via della Batteria  Nomentana fino a largo Settimio Passamonti – conclude Segnalini - è stata già oggetto di riqualificazione nel 2023 e per il termine del mandato,  avremo completato l’intero percorso”.