Le città europee potrebbero evitare fino a 10.000 decessi prematuri espandendo le reti ciclabili

Uno studio pubblicato su "Preventive Medicine" ha rilevato associazioni tra l’estensione della rete ciclabile, l’intermodalità e gli impatti sulla salute correlati

Barcellona, ​​15 gennaio 2018.- Uno studio condotto da ricercatori dell'Istituto di salute globale di Barcellona (ISGlobal), a cui ha partecipato anche Roma Servizi per la Mobilità, ha rilevato che l'espansione delle reti ciclabili nelle città potrebbe fornire notevoli benefici sanitari e economici .

L'analisi, parte del progetto PASTA (Physical Activity Through Sustainable Transport Approaches) finanziato dalla Commissione europea, ha visto Roma tra le 7 città studio coinvolte. Lo studio, pubblicato su Preventive Medicine, stima che se tutte le città valutate raggiungessero una percentuale di spostamenti in bicicletta pari al 24,7%, si potrebbero evitare più di 10.000 decessi prematuri ogni anno.

"Questo è il primo studio che valuta le potenziali associazioni tra la lunghezza della rete ciclabile, l’intermodalità e gli impatti sulla salute associati nelle città europee", afferma Natalie Mueller, ricercatrice ISGlobal e prima autrice del documento. La valutazione dell'impatto sulla salute ha dimostrato che uno spostamento sistematico verso l’uso della bicicletta è positivo per la salute a causa dell'aumento associato dell'attività fisica, "i cui benefici superano gli effetti nocivi dell'inquinamento atmosferico e degli incidenti stradali", aggiunge Mueller.

“I maggiori benefici per la salute, tra le diverse stime fatte dai ricercatori, sono stati riscontrati per lo scenario (teorico) che considera piste ciclabili in tutte le strade. In tal caso, Londra potrebbe evitare fino a 1.210 decessi prematuri ogni anno, seguita da Roma con 433 morti premature all'anno e Barcellona con 248 morti. Tuttavia, è già stato stimato che anche un aumento del 10% delle infrastrutture ciclabili comporterebbe un incremento significativo del numero di ciclisti, che eviterebbe 21 decessi prematuri a Roma, 18 a Londra e 16 a Barcellona” dichiarano F.Benvenuti e F.Iacorossi di Agenzia co-autori del documento

I ricercatori hanno anche eseguito un'analisi economica per confrontare i costi legati all’aumento delle reti ciclabili con i benefici economici stimati connessi alla ridotta mortalità prematura. I risultati mostrano, come per la salute, che i migliori rapporti costi-benefici sarebbero ottenuti già con un aumento del 10% della rete ciclabile, in cui il rapporto delle prestazioni per euro speso sarebbe fino a 70 a 1 nel caso di Roma, 62 a 1 nel caso di Zurigo e 35 a 1 nel caso di Barcellona. "Anche se non abbiamo considerato altri fattori determinanti della ciclabilità e non possiamo dedurre qui la causalità, semplicemente mettiamo in evidenza che le reti ciclabili dovrebbero essere in cima alle agende dei governi delle città che hanno responsabilità dirette locali per fornire" scelte salutari "ai loro cittadini" , riflette Mark Nieuwenhuijsen, coordinatore della Urban Planning, Environment and Health Initiative di ISGlobal e ultimo autore dello studio.

Secondo lo studio, in particolare le città con una quota di modalità ciclistica attualmente bassa (come Roma, Barcellona e Londra), hanno un grande potenziale per aumentare l'uso quotidiano della bicicletta semplicemente espandendo le loro reti ciclabili.

"Già un aumento del 10% delle infrastrutture ciclabili, che percepiamo come una politica realizzabile per i governi delle città, potrà apportare notevoli benefici sanitari ed economici", aggiunge Nieuwenhuijsen.

"Ancora una volta possiamo vedere che portare la gente fuori dalle proprie autovetture produce grandi benefici per la salute. Una combinazione di misure "push&pull" che rendano le auto poco allettanti attraverso politiche volte a rendere più attraenti i trasporti pubblici e la bicicletta sarebbe il modo ottimale per migliorare la salute e il benessere nelle città europee ", conclude la ricercatrice Natalie Mueller.

Le posizioni dei vari paesi europei

Referenti

Natalie Mueller, David Rojas-Rueda, Maëlle Salmon, David Martinez, Albert Ambros, Christian Brand, Audrey de Nazelle, Evi Dons, Mailin Gaupp-Berghausen, Regine Gerike, Thomas Götschi, Francesco Iacorossi, Luc Int Panis, Sonja Kahlmeier, Elisabeth Raser, Mark Nieuwenhuijsen, on behalf of the PASTA consortium. Health impact assessment of cycling network expansions in European cities. Preventive Medicine, January 2018, doi.org/10.1016/j.ypmed.2017.12.011

Materiale Grafico

FIGURE. Association between cycling network length and cycling mode share in European cities
(Data from ISGlobal/PASTA Project included at the study published in ‘Preventive Medicine’)

Che cos’è IsGlobal

L'Istituto di Barcellona per la salute globale, ISGlobal, è il frutto di un'alleanza innovativa tra università, governo e la Fondazione "la Caixa" per contribuire agli sforzi intrapresi dalla comunità internazionale per affrontare le sfide della salute globale. ISGlobal è un polo consolidato di eccellenza nella ricerca che è cresciuto senza lavoro iniziato nel mondo della sanità dall'ospedale Clínic e dal Parc de Salut MAR e in ambito accademico dall'Università di Barcellona e dall'università Pompeu Fabra. Il meccanismo chiave del suo modello di lavoro è il trasferimento delle conoscenze generate dalla ricerca scientifica alla pratica, un compito intrapreso dai dipartimenti dell'Istruzione, della politica e dello sviluppo globale dell'istituto. ISGlobal è membro del programma CERCA della Generalitat de Catalunya.

Il Progetto Pasta

Il progetto PASTA finanziato dall'UE - Attività fisica attraverso approcci di trasporto sostenibile - mira a collegare trasporti e salute promuovendo la mobilità attiva nelle città (ad esempio, a piedi e in bicicletta) anche in combinazione con l'uso del trasporto pubblico) come un modo innovativo di integrare l'attività fisica nel nostro vite di tutti i giorni.

P.A.S.T.A. project

Il progetto P.A.S.T.A. (Physical Activity Through Sustainable Transport Approaches - 1/11/2013 - 31/10/2017) ha anlizzato le misure di trasporto urbano a sostegno della mobilità attiva (a piedi, in bici e insieme ai mezzi pubblici) e ne ha valutato gli effetti sull'attività fisica e le condizioni di salute dei cittadini.