IT | EN
segui @romamobilita su telegram segui @romamobilita su twitter logo mastodon segui RomaMobilita su Facebook Romamobilita su Instagram segui Roma Mobilità su Linkedin segui Roma Mobilità su YouTube

Mobilità dei city user (2010)

Schede primarie

Poco più della metà degli intervistati rientra nelle fasce di età tra i 26 e i 35 anni (31,1%)  e tra i 36 e i 45 (28,7%), ma questo non esclude da questa indagine la presenza di giovani tra i 16 e i 25 (12,6%), di meno giovani con un’età compresa tra i 46 e i 55 (16,8%) e degli over 55 (10,4%).

Quasi tutti i city user sono di nazionalità italiana (90,7%) e  per il 36,4% svolgono mansioni impiegatizie: le altre categorie sono quelle degli operai (14,5%), studenti (14,5%), imprenditori (8,6%), casalinghe (8%), artigiani (6%), pensionati (4,3%), funzionari (3,7%), disoccupati (3,2%) e rappresentanti (3%).

La loro presenza a Roma deriva dalla necessità di raggiungere il proprio posto di  lavoro fisso (34,2%), per visite di affari a clienti o altre esigenze lavorative (18,7%), per visite a parenti e amici (13%), per cure personali e visite mediche (10,5%), sport e svago (6,8%), andare a scuola o a corsi di aggiornamento (6,6%).

I city user sono prevalentemente intervistati alle stazioni ferroviarie di Termini e Tiburtina e all’autostazione dei pullman di Tiburtina.
Molto usato come mezzo di trasporto verso Roma resta il  treno, preferito dal 69% degli intervistati:  il 9,8% usa la linea Roma-Viterbo, il 7,5% i pullman non Co.Tra.L. e il 4,2% preferisce l’aereo. Interessante sottolineare come i city users che utilizzano l’aereo arrivino prevalentemente all’aeroporto di Fiumicino, spostandosi verso Roma con il treno (65,6%), il 12,5% in taxi  e 9,4% con un’autovettura.

A questo proposito emerge un dato interessante che segnala come il  36,3%, degli intervistati all’autostazione dei pullman di Tiburtina, raggiunge Roma per visite a parenti ed amici. E’ interessante segnalare che chi arriva all’autostazione dei pullman di Tiburtina frequenta Roma più raramente (73,6%) e per il 54,9% non utilizza le linee gestite da Co.Tra.L.

Il 32,2% degli intervistati si sposta nei giorni feriali, quindi prevalentemente per motivi di lavoro. Elevata è anche la percentuale di chi raggiunge la Capitale per la prima volta o più raramente (28,9%) e di chi la raggiunge  1-3 volte al mese (21,6%). Crolla al 6,8% chi si reca a Roma per 3-4 volte alla settimana e all’8,6% quella di coloro che la frequentano 1-2 volte a settimana.
Analizzando la quantità degli spostamenti effettuati risulta che il 72,9% del campione degli intervistati  effettua due spostamenti al giorno; il 12,1% tre spostamenti e il 10,2% si “muove” una sola volta. Pochissimi coloro che si spostano per più di quattro volte nell’arco della giornata. In dettaglio, è maggiore il numero degli intervistati all’autostazione di Tiburtina (81%) che si sposta due volte, rispetto a quelli che arrivano alla stazione ferroviaria Tiburtina (75,4%) e alla stazione ferroviaria Termini (68, 5%).  Chi arriva alla stazione ferroviaria Termini fa un solo spostamento rispetto a chi arriva alla stazione ferroviaria Tiburtina o all’autostazione Tiburtina.

Il 41,2%  dei city user  intervistati si sposta per ritornare a casa, il 20,3% per recarsi al lavoro, il 9,6% per motivi di lavoro e d’affari.
Il 92,2% del campione utilizza mezzi di trasporto pubblici o privati per muoversi a Roma, il 53,7% utilizza un solo mezzo mentre il 37,9% ne utilizza due.

Il 41,4% utilizza più mezzi pubblici, 19,5% solo bus Atac  e il 12,8% si sposta solo in metro. Pochi sono coloro che per  spostarsi utilizzano soltanto il mezzo privato  (8,2%) o il treno (7,8%) o il tram (4,2%), il taxi 0,9%, il pullman Co.Tra.L. lo 0,4%.

Gli intervistati dichiarano di spostarsi soprattutto all’interno della città, con la differenza che chi si sposta delle stazioni di Termini e Tiburtina utilizza più mezzi pubblici, mentre chi si muove dall’autostazione dei pullman di Tiburtina utilizza solo autobus.

L’orario d’inizio degli spostamenti è ben distribuito, con un incremento del 22,2% nella fascia oraria dalle 7.00 alle 9.00 ed un crollo a partire dalle 19.00 (3,6%). Ben distribuita è anche la durata degli spostamenti: quella  minima è di 15 minuti e quella massima di 120 minuti; il 23,6% impiega dai 16 ai 30 minuti, il 33,4% dai 31 ai 60 minuti, il 27,3% dai 61 ai 120 minuti.

ISO 9001