segui @romamobilita su telegram segui @romamobilita su twitter segui RomaMobilita su Facebook Romamobilita su Instagram segui Roma Mobilità su Linkedin segui Roma Mobilità su YouTube

Tva, terminato il Tavolo di consultazione Diventerà Osservatorio permanente

Simona Di Capua, redazione giornalistica di Roma Servizi per la Mobilità.

Assessore Patané: "Ipotesi di due lotti per le Conferenze di Servizio"
Il futuro passaggio del tram su via Gregorio VII

Si è concluso il 22 febbraio, con la quinta e ultima seduta, il Tavolo di Consultazione coordinato dall'architetto Claudio Cipollini sulla tranvia Termini-Vaticano-Aurelio, nato con l’obiettivo di consentire alle cittadine, ai cittadini e a tutti gli interessati di esprimere le loro considerazioni e ai progettisti di avere nuovi e condivisi spunti progettuali.

“Sono molto soddisfatto della grande partecipazione, dell’esito e dei risultati del Tavolo di Consultazione sulla TVA – ha commentato l’Assessore alla Mobilità di Roma Capitale, Eugenio Patanè – che è stato un esercizio virtuoso di democrazia e trasparenza, e che oggi si è chiuso solo formalmente, ma che in realtà continuerà ad andare avanti fino alla fine dell'opera, trasformandosi in una sorta di Osservatorio permanente. Durante gli incontri si è registrata una ampia partecipazione di rappresentanti di categorie, professionisti e tecnici, istituzioni, associazioni e cittadini. Ringrazio in particolare l’architetto Claudio Cipollini che ha coordinato il Tavolo con competenza, professionalità e moderazione”. 

"Tra le proposte emerse, molte sono quelle che intendiamo raccogliere, accogliere o sottoporre ad approfondimento. Tra queste, una delle più importanti che sicuramente faremo nostra è la possibilità di separare le Conferenze dei Servizi e fare due lotti, il primo da Giureconsulti al Vaticano e il secondo dal Vaticano a corso Vittorio a via Nazionale e Termini. Sul primo lotto, che non presenta criticità, ci metteremo al lavoro da subito, mentre per quanto riguarda il secondo lotto, i lavori partiranno dopo il Giubileo”. 

“Tra le altre proposte da prendere in considerazione – ha aggiunto Patanè - rivedere e ottimizzare il posizionamento delle fermate sull’intero percorso; mettere in pratica le tecnologie più all’avanguardia per diminuire le vibrazioni; prevedere indennizzi per le attività commerciali impattate dai cantieri; la sistemazione complessiva del capolinea Giureconsulti con un parcheggio di scambio; il doppio binario sui ponti Pasa e Vittorio, che evita un inutile passaggio davanti all`ospedale Santo Spirito. Rispetto alla tratta Venezia-Ponte Vittorio, il posizionamento dei binari al centro di corso Vittorio e non affiancati ai marciapiedi penso sia una proposta largamente condivisa e presenti molti vantaggi. Un’altra proposta interessante, sulla tratta Nazionale-Venezia, prevede di spostare i binari sul lato nord, invece che sul lato sud, o in alternativa al centro della strada, per evitare interferenze con incroci e carrabili sul lato degli alberghi. Infine, mi preme sottolineare che ci atterremo in maniera ossequiosa ai vincoli e alle prescrizioni della Soprintendenza e che la realizzazione dell'opera comporterà anche una rigenerazione degli spazi urbani grazie alla collaborazione con gli esperti dell'Università Sapienza”.

*******

"Roma deve crescere dal punto di vista trasportistico - ha detto la Commissaria di Governo per la tranvia Maria Lucia Conti intervenendo al Tavolo - non possiamo avere un centro storico bello come il nostro che è un attraversamento di macchine. Le macchine le devono avere i residenti, ma non può essere un attraversamento di chiunque". "Tutti i suggerimenti fatti saranno valutati e dove possibile li accetteremo - ha aggiunto - dove non lo potremo fare è perché c'è proprio un impedimento tecnico. I prossimi passi saranno la redazione del progetto definitivo affidato assieme all'esecuzione dell'opera. Stiamo valutando tutte le soluzioni per spostare l'opera a dopo il Giubileo per non interferire con l'Anno Santo, ma l'opera comunque è nata indipendentemente dal Giubileo. Sono occasioni che la città non può perdere, e quindi ci sarà un 2024 molto caotico, un 2025 più tranquillo e un 2026 in cui riapriranno i cantieri. Ma questo significa avere risultati". "L'impresa - ha detto ancora - valuterà tutti i suggerimenti e poi convocheremo la Conferenza dei servizi, chiusa la quale si farà un'ordinanza di approvazione mia, d'intesa con la Regione. A quel punto il progetto diventa esecutivo. La realizzazione dell'opera intera è prevista in 1.100 giorni, per 8 km di tramvia. Lo realizzeremo per lotti successivi, d'intesa col Comune". "La 'sede esclusiva' - ha spiegato poi - è quasi un assioma imposto dal ministero ovunque sia possibile perché una delle finalità del tram è levare il trasporto pubblico su gomma, per ridurre l'inquinamento. Il cronoprogramma sarà fatto assieme al progetto esecutivo. I soldi ci sono, l'opera è finanziata, il Comune ha avuto tutto il finanziamento. La Cds potrebbe essere fatta per lotti. Guardate la tramvia di Firenze - ha concluso la commissaria Conti - E' perfettamente silenziosa, non dà vibrazioni, ha una certezza di arrivo incredibile: ti dice l'ora esatta e la vettura si apre davanti a te. Le tecnologie sono cambiate".