Pronta la ciclabile di via Prenestina, terminati i 6 km di pista

Itinerario protetto, accessibilità e sicurezza garantite

La pista ciclabile lungo via Prenestina è pronta. Già da qualche giorno si possono percorrere i circa 6 chilometri che uniscono piazza di Porta Maggiore all'incrocio con viale Palmiro Togliatti (dove la nuova pista corre fino all’anello tranviario dove si aggancia al tratto che era già esistente).

Il tracciato è stato realizzato - nell’arco di circa due anni -  nella modalità "bike lane". Ossia con una corsia ciclabile riservata, ad unico senso di marcia, indicata dalla segnaletica orizzontale. Nessuna separazione fisica (come cordoli o muretti), quindi, divide i ciclisti dal flusso del traffico. A fare da barriera, lungo gran parte del tracciato, ci pensano le auto in sosta sugli stalli appositamente progettati per proteggere il tracciato e mantenere l'offerta di parcheggi legali in zona.

Così come previsto anche in altre ciclabili cittadine, tra la corsia riservata e i veicoli posteggiati è presente una zona neutra, in gergo tecnico definita "franco", di 50 cm che protegge i ciclisti dall'eventuale apertura improvvisa degli sportelli delle vetture.

Il progetto si è occupato anche della convivenza con il trasporto pubblico. Lungo il tracciato sono stati rifatte le aree di fermata dei bus con la nuova, ben visibile, segnaletica gialla a zig zag. Quando la ciclabile arriva in prossimità dell'area riservata ai bus si interrompe con l'apposito segnale di fine pista. Il progetto ha previsto anche scivoli per disabili con attraversamenti pedonali dedicati per ciascun posto auto riservato.